Al Microscopio
Manuale di Sopravvivenza per Bradipi in Antartide

Al Microscopio

Esiste una tendenza all’osservazione microscopica dei piccoli autistici. Ogni comportamento viene preso, analizzato, scomposto, esaminato, sezionato…
per poi mettere in campo soluzioni e strategie.

Si, è importante capire cosa nasconde un comportamento, la sua spiegazione… Ma come in tutte le cose, ci vuole equilibrio.

Non tutto deve avere per forza un significato, non tutto va per forza messo sotto una lente e analizzato.

L’essere costantemente sotto una lente, alla lunga ti induce a pensare che ci sia qualcosa che non va in te.

Oltre ad essere tremendamente irritante!

Contemporaneamente, chi ti sta attorno sembra pensare a te come ad una bomba a mano innescata da maneggiare con cura.

Si cerca allora un manuale di istruzioni per non rischiare di sbagliare… e di “rompere” il bambino.

Ok mettersi in ascolto per comprendere, ma la tendenza all’osservazione microscopica non aiuta nessuno.

Non aiuta ad avere fiducia nel proprio ruolo di genitore, insegnante… Una volta acquisite le informazioni di base per comprendersi, sarebbe utile assumere un atteggiamento di disposizione empatica e mettersi in gioco.

Per tutti gli altri bambini al mondo, si da per scontato facciano certe cose perché ancora piccoli. E allo stesso modo, non dovremmo dimenticare mai che i bambini autistici, sono prima di tutto bambini. Con un modo differente di vivere il mondo magari, ma bambini!

Queste riflessioni sono “figlie” della costruzione del progetto scuola di NeuroPeculiar – Movimento per la Biodiversità Neurologica. Con un gruppo di lavoro fantastico: Silvia Chieregato, Andrea Ruzza, Alice Sodi, Eva Cesaretti, Roberto Mastropasqua e io.

Se volete saperne di più, vi rimando a questo link:

[Sportello AUTentici – quinto incontro]

Ti è piaciuto il post? Vuoi rimanere sempre aggiornato? Iscriviti alla Newsletter o lascia un like alla mia pagina FacebookCi trovi anche su YouTubeInstagram e Twitter

Scritto da Tiziana - Novembre 11, 2021 - 238 Views

Nessun Commento

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *