Negazioni
Manuale di Sopravvivenza per Bradipi in Antartide

Negazioni

Non avendo nessuno in cui rispecchiarsi, crescendo capita che alcune sensazioni non vengano comprese, validate o che rimangano senza un nome. Si danno spiegazioni erronee a questi frequenti e misteriosi malesseri, oppure visto che non se ne conoscono le origini, si finisce col concludere che si tratti di esagerazioni… o peggio, di invenzioni belle e buone.

Alla lunga questo ti porta a dissociarti dalle tue sensazioni e spesso anche dal tuo stesso dolore. Questa negazione rende lo stare di merda per tutto il tempo “normale”.

Ti abitui in pratica.

Tanto che mi sono resa conto di avere sempre mal di testa, quando per la prima volta ho indossato delle lenti scure di colore marrone. Mi sono ritrovata a passeggiare fischiettando durante una di quelle tremende giornate dal cielo coperto e bianco (parlerò presto di queste lenti).

Troppo spesso ho messo in dubbio le mie sensazioni perché nel tempo ho imparato a ritenerle inattendibili e ad ignorarle. Il passo successivo è stato imparare ad ignorare sentimenti ed emozioni che suscitavano le stesse reazioni. Tanto che adesso mi è difficile districarmi nella mia emotività che talvolta è un vero mistero.

Neanche tanto tempo fa, imputavo erroneamente questa confusione al mio autismo.

Mi capita ancora troppo spesso di mettere in dubbio le mie percezioni. Come quella volta in cui mi svegliai per il terremoto e pensai di averlo immaginato, imputando il frastuono ai fantasmi.

È davvero difficile non seguire sempre lo stesso schema, ma averlo visto è già un inizio.

Ritorna il Bradipo dopo un po’ di tempo e… ops l’ho fatto di nuovo: ho cambiato qualcosina.Come sapete già, mi annoio facilmente e ogni tanto cambio i connotati ai personaggi delle vignette.

Nessuno Bradipo e/o pinguino, è stato maltrattato durante la realizzazione si questa striscia.

Ti è piaciuto il post? Vuoi rimanere sempre aggiornato? Iscriviti alla Newsletter o lascia un like alla mia pagina FacebookSiamo anche su YouTubeInstagram e Twitter

Scritto da Tiziana - Maggio 3, 2022 - 471 Views

Nessun Commento

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *